Intubamento della canna fumaria, quali norme di riferimento e quali prescrizioni di sicurezza.

canna fumariaL’intubamento della canna fumaria è la tecnica più utilizzata per risanare e mettere a norma le vecchie canne fumarie costruite in mattoni ed elementi in vibrocemento

Anche in tempi recenti molti camini o per meglio dire cavedi continuano ad essere realizzati utilizzando il vibrocemento.
Tale materiale, di facile reperibilità e poco costoso, non è mai stato omologato per essere utilizzato a diretto contatto con i prodotti della combustione di qualsiasi genere di apparecchio.

Molti sistemi camino hanno le camere esterne in fibrocemento, ma al loro interno si trovano appositi condotti refrattari che portano i fumi sul tetto dell’edificio in totale sicurezza.

Accade frequentemente che la ditta installatrice, anche per edifici di nuova costruzione, sia costretta ad intubare il camino in vibrocemento con condotti in materiale plastico (per caldaie a condensazione) oppure in acciaio (per caldaie atmosferiche oppure per apparecchi a combustibile solido).

Per gli apparecchi a gas di potenza non superiore a 35kW la norma che regolamenta l’intubamento dei camini è la UNi7129:2008. Tale norma (che ha forza di legge poichè recepita dal DM 13 agosto 2009) afferma:

Il camino, canna fumaria o condotto intubato deve essere adibito ad uso esclusivo dell‘evacuazione dei fumi generati dalla combustione. Nel caso di realizzazione di sistema intubato anche l’intercapedine tra camino, canna fumaria o condotto intubato e la parete interna del vano tecnico deve essere ad uso esclusivo del sistema.

Per gli apparecchi a combustibile solido non superiori a 35kW, la norma di riferimento è la UNi10683:2012 che afferma:
Tutti i componenti, compresi i cavedi devono essere realizzati con materiali avente classe di reazione al fuoco  A1 secondo la UNI EN 135014. In particolare non e ammesso l‘utilizzo di tubi metallici  flessibili  estensibili.

Il camino deve ricevere lo scarico del solo canale da fumo collegato all’apparecchio; non sono quindi ammesse canne fumarie collettive ne il coinvolgimento nel medesimo camino o canale da fumo di scarichi di cappa sovrastanti apparecchi di cottura di alcun genere ne scarichi provenienti da altri generatori.

Pertanto, nel momento in cui si utilizza un cavedio per installare al suo interno un condotto intubato per l’evacuazione dei prodotti della combustione di qualsiasi genere di apparecchio, tale cavedio diventa ad uso esclusivo del condotto intubate e non può contenere altre tipologie di tubazioni (ad esempio gas. riscaldamento, solare. ecc. ) ne cavi di alcun genere (elettrici, antenne TV. ecc).
Può però essere utilizzato, qualora lo spazio sia sufficiente, per installare altri condotti intubati allacciati anche ad apparecchi a diverso combustibile, purché siano rispettate le distanze previste dalla normativa.

La Canna Fumaria è un elemento molto importante dell’impianto di riscaldamento camino o stufa non fa la differenza.

Gli aspetti più importanti riguardano la sicurezza, uno dei rischi maggiori delle canne fumarie al servizio di camini e stufe o caldaie a legna è che si possono incendiare facilmentee quindi vanno costruite tenendo presente questa possibilità.

Altro elemento importante da tenere presente è l’efficienza della canna fumaria. Se il sistema di estrazione dei fumi è efficiente allora tutto ne beneficia, le apparecchiature funzionano meglio con maggior durata, il calore si diffonde meglio negli ambienti, ed il risparmio energetico influisce sul costo di mantenimento.

 

Altro principio da tener presente è la posizione, cioè dove viene collocata, se all’interno della casa oppure all’esterno della casa e la relativa posizione sottovento. Se è possibile è bene collocare la canna all’interno della casa in modo che possa cedere calore alla casa stessa e non raffreddarsi troppo quando il focolare è spento. L’inconveniente è che in questa posizione può portare via spazio utile all’ambiente domestico.

Nelle canne fumarie una caratteristica importante è la loro capacità. La capacità è la quantità di fumi che una canna fumaria riesce a trasportare. Dipende dalle dimensioni, dal materiale con cui è costruita e dalla sua pendenza.

Il materiale costruttivo è un altro elemento che occorre tenere presente


Hai problematiche, dubbi, devi eseguire la manutenzione o progettare la tua nuova canna fumaria?  I tecnici di CENTRO STUFE e CAMINI – Vandini sono a disposizione per qualsiasi consulenza, scrivici compilando il modulo che trovi QUI
oppure
Chiamaci a questo numero telefonico: 0536 953512
Ma la cosa migliore è recarti da CENTRO STUFE e CAMINI – Vandini di persona per rendersi conto delle molteplici soluzioni e ascoltare i nostri consigli…

Centro Stufe e Camini
Vandini